G20 – Welcome to hell

BLOCKIEREN – SABOTIEREN – DEMONTIEREN
Der nächste Gipfel der zwanzig wirtschaftlich und politisch mächtigsten Staaten der Welt soll am 7. und 8. Juli 2017 in Hamburg stattfinden. Austragungsort sind die Messehallen in der Hamburger Innenstadt im Wohngebiet von St. Pauli. Die Herrschenden dieser Welt werden dabei begleitet von tausenden Delegationsmitgliedern und Journalist*innen, beschützt durch eine Armee aus Polizei, Geheimdiensten und Militär. Durch die Einbindung von internationalen Verbänden und NGO’s wird der Anspruch formuliert, weitreichende Entscheidungen zu treffen. Nach außen hin geben sich die deutschen Veranstalter*innen einen sozialen Anstrich, die Leitthemen sollen Frauen, Flucht und Gesundheit sein. Dies sind populistische Nebelkerzen, denn grundsätzlich geht es beim G20 um die Aufteilung der geopolitischen Interessenssphären und Machtansprüche und um die Koordinierung der weltweiten Ausbeutung. Weiterlesen →

G20 – Welcome to hell (en)

OBSTRUCT – DISRUPT – DISSECT
The next summit of the world‘s 20 economically and politically most powerful countries is supposed to take place on 7 and 8 July 2017 in Hamburg. The envisaged venues are the exhibition halls in Hamburg’s inner city in the residential quarter St. Pauli. There will be thousands of delegation members and journalists accompanying and an army of police, secret service and the military protecting the world’s rulers. The integration of international unions and NGOs is sustaining the claim to take far-reaching decisions. Externally, the German organisers are practising social window-dressing, landmark themes are supposed to be women, flight and health. This is a populist smoke screen; fundamentally, G20 is focusing on the distribution of geo-political interest spheres and power claims and on the co-ordination of world-wide exploitation.
G20 is not a meeting representing the majority of humankind, but an assembly of bourgeois governments, torture states and warring military blocks reinforcing global exploitation. Host country Germany is – besides China – one of globalisation’s winners of the past 25 years. Therefore, July 2017 G20’s motto should be “Be a Guest of Winners”. Hamburg and its harbour as an alleged “Gateway to the World” are unconcerned by the blood trails of international exploitation dripping from its walls. This summit makes for a world order responsible for several military conflicts, wide-spread poverty and the death of more and more people during flight and migration.

Since the 2008 financial crisis, the global capitalist regime has changed directions: globalisation, i.e. exchange of commodities, networks of production relations and the extent of multinational companies’ trans-national investments are waning. Conclusion of international free-trade treaties has come to a halt, world-wide trade agreements had been given up before that. This is coinciding with growth rates cut in half on a global scale. Before the financial crisis, the majority of capitalist core countries has benefited from globalisation’s growth push – albeit distributed unequally. Since the financial crisis, resource-exporting newly industrialising countries (Brazil, Russia and South Africa, among others) in particular, but as well First World countries displaying huge trade deficits and substantially contracted industrial production (like England, Italy, Greece etc.) are targeted by political and economic crises.

Breakup of globalisation?

In these circumstances, there are but few economic competition strategies promising success, for instance the retreat to a huge internal market, like the US or China, or a massive increase of exports to the detriment of other countries’ industries, as in Germany, the Netherlands or Sweden. These strategies are supposed to be safeguarded by trade agreements like CETA and TTIP. Countries suffering the inaccessibility of these options, but expected to continue functioning as markets, are led to reactions like protectionism and – wherever possible – devaluation of currencies in order to offer their commodities at lower prices in the world market. Unity among capitalist core countries is going to become more fragile, balance between G20 countries is declining substantially.

In the Tricont’s (Global South) world-wide poverty regions, economic defence measures are not available. Mass impoverishment and social isolation and oppression turn – like during the Arabian Spring – into regional riots or religiously disguised repression of Islamic movements. Likewise, local ruling circles don’t cease to aggravate exploitation and the police state’s access. If this doesn’t bring about pacification, repression turns into long-lasting civil wars. “Regime Change” is over – the old G7/G8 concept has failed. The West doesn’t continue attempting to smother rebellions via Western military inventions or to abolish insubordinate regimes in order to establish a new order like in Afghanistan, Iraq or Libya. Conflicts are relinquished to local agents (e.g. the Saudi Arabian intervention to tackle the civil war in Yemen) or otherwise controlled using more informal interventions (like in Iraq and Syria). Greater emphasis is placed on a “Gated Capitalism” focusing on the residual islands of growth while the poor and the oppressed are drowning and perishing beyond its coasts and fences.

As the promises of growth and prosperity cannot be fulfilled any more even in the Metropolises, which causes modification of the state and society’s regulation framework, right-wing populism, militant nationalism and authoritarian paradigms are thriving in Europe, the US and Asia. Economic-political protectionism as well as the eviction of migrants including the construction of border fences are called for. Internally, anything not fitting the norm, anything queer or just non-conformist is under suspicion. This analysis mustn’t be read as an economicised deduction from impoverishment theory. While recently successful populist parties are primarily being supported by lower-class white men, these movements are simultaneously flourishing in the prosperous and economically victorious states of the European North and East as well. Frequently, this racism has developed over generations and is lacking any actual object or reference point like a substantial number of refugees in the country or imminent job loss. We are opposing the Right-Wing Populist International: from the Hungarian Orban regime’s xenophobic lockdown policy, racially-motivated Brexit, the racist world view of Germany’s AfD or Front National in France, the Islamist nationalism of the Turkish AKP regime to chauvinist Donald Trump’s election victory.

War as an instrument of prevailing policy
War and capitalism are inseparable. From a historical perspective, war has been part of capitalist crisis management strategies again and again. For decades, Cold War’s status quo had suspended this logic between Eastern and Western industrial nations temporarily and transferred conflicts as proxy wars into the Tricont. After the Eastern Bloc’s breakdown, new windows of opportunity have opened for capitalist crisis and war logic. The neo-liberal regime since 1989 has created new global strategies to open up new markets and secure resources for the leading industrial nations.

To secure their spheres of power and influence, the capitalist core countries‘ governments are falling back on military options more and more frequently. Contradictions and competition aren’t going to be negotiated any more by the implementation of trade agreements and a capital-oriented customs and fiscal policy combined with the respective currency and credit policy, but result in military escalation more often than before.
The direct or indirect involvement of nearly all G20 states into recent warlike conflicts is no coincidence. No matter if there are proxy wars, alleged police operations or “peace-keeping” military measures – all of these are just different labels for death and destruction. Merely military conflicts between leading core countries of political power are being forestalled – yet. That this is not forever is indicated by the increasing escalation between NATO and Russia. The Russian regime is dealing with the aggressive NATO Eastern expansion via massive rearmament threatening ex-Soviet republics having joined NATO and EU. Due to capitalist competition dynamics and economic sanctions, Russia is facing serious economic problems. The Ukrainian war taking place within the framework of capitalist competition logic between the EU and Russia reflects the struggle for power, spheres of influence and markets.
The murderous war in Syria serves as an example for there being no alternative to capitalist war logic. From a Russian perspective, the assertion of their dwindling influence in the newly structured Near East after the Arabian Spring is at stake. The US and EU see the Syria conflict as part of the war against Islamist movements on the one hand and a means to stabilise their power base and fight rival Russia on the other. Regional power Turkey is taking advantage of the situation to fight the Kurdish movement as well as the Islamist and Laizist opposition but also to reinforce regional-politic claims via military interventions in Syria. A solution to the original conflict and putting not only an end to dying but also bringing about a perspective of peace to the people in Syria don’t feature in any of the political powers‘ considerations whatsoever. Death and displacement of ten thousands of people are being accepted deliberately.

De-regulation and de-stabilisation
In the mid-1970s, the post-World War II capitalist sociation model became subject to crisis. This development encouraged the triumph of a neo-liberal model of economy and society relying on de-regulation of markets and a policy of privatisation even of essential public services and the educational sector and attempted to capture people with empty promises of wealth and prosperity. This soap bubble of a virtually co-operative world government and a common world-wide policy of internal affairs as a supposed strategy of peace-keeping was actually inextricably connected with external and internal rearmament. Ideologically, this has been accompanied by the enforcement of militarisation as an option of political action. The formation of the EU as a militarised political power has to be considered within this context. As a protagonist representing the interests of European core states under the leadership of hegemonic power Germany, since about 2000 the EU has been enabled to intervene militarily all over the world.

Wars have been and are still shaping the reinforcement of neo-liberal strategies for the last 25 years. The reasons for the destruction of ex-Yugoslavia, de-stabilisation of the former Soviet Union and various conflicts on the African continent are to be found in the conquest for and aggressive safeguarding of markets and the exploitation of resources. The world-wide scope of this militarised policy is covering “low intensity warfare” conflicts, civil wars and open military inventions. A common consequence of all of these is the destruction of old systems of societies and economies resisting the neo-liberal claim to omnipotence. Frequently, flight is the only alternative for people affected by this policy.

De-stabilisation strategies are resulting in reactionary counter-movements challenging Western capitalist interests. Military conflicts are a logical consequence resulting from capitalist core countries’ own economic and expansion policy. Islamist terrorism and consequent flight movements are essentially developing from this de-stabilisation policy forcing societies into a permanent status of war.
Militarisation of external political action is resulting in internal militarisation as well and is therefore bringing about change of Western societies. An acceptance of repressive solutions to social and economic conflicts involving police or even military forces is increasing. Escalation as a consequence of hegemonic policy of external affairs is turning into an argument in favour of internal rearmament. The reinforcement of society’s internal contradictions is reflecting the aggravation of external policy. Impoverishment and an increasing gulf between the poor and the rich are not supposed to be alleviated by full employment and promises of prosperity any more, but to be managed internally and rendered controllable via repressive counter-insurgency policy.
Simultaneously, neo-liberal globalisation is being replaced by a new stage of the world-wide capitalist system’s strategic re-organisation. External de-integration of globalisation’s idea of a common market is represented by crisis management following economic crisis. This break-up is resulting in nationalism, protectionism and the development of an increased willingness for confrontation even among hegemonic capitalist core states. War is their policy, competition and exploitation are their perspectives. Values like peace, human rights, economic justice and a responsible use of the world’s resouces are seen merely as obstacles to the free development of capitalist expolitation interests.

Our resistance is manifold and unpredictable

When the representatives of the prevailing (dis)order are going to display spectacular images of themselves in Hamburg, we will be confronting them with our actions of trans- and international resistance and our idea of a world worth living in!
Since the end-1990s, similar rulers‘ summits couldn’t be executed without us and without disturbance. Seattle, Genua, Göteborg and Prague won’t be remembered as successful summits, but as strong moments of anti-capitalist resistance. As they had to take our coming to their summits into account, the following years‘ G7/G8 summits in Europe have been re-located outside bigger cities due to our protest and action. Rather, meetings have been re-arranged to take place in luxury resorts, as far as possible from urban infrastructure to keep protests at bay.
Right now, another great summit of heads of states and governments is going to take place in a European city in Germany. As radical and anti-capitalist left, it’s going to be our duty to confront this spectacle of power in Hamburg together with many other people and to put forward our ideas of a more just and solidary society.
The 2000s‘ summit mobilisations have been precious moments of meeting and co-operation of left-wing and anti-capitalist groups and networks from all over Europe and world-wide. We have been sharing experiences and fighting together, attending international meetings, being attacked by cops supported by the military, re-organising our forces and fighting back. Anti-globalisation movement has changed, but our networks endure. We are active locally in our regions, cities, villages and forests. But we are also fighting trans-nationally. We have been meeting again and again – in Rostock/Heiligendamm, Strasbourg, Athens, Copenhagen, the German Wendland region, Paris, Milan and Frankfurt.
During the last years, we have been networking trans-nationally in many different ways: we have been solidarily resisting EU austerity policy, in Greece in particular, but also in Spain, Portugal, Ireland or France. While primarily local movements have been staging disobedient square squattings, strikes, demonstrations, expropriations and squattings of buildings, exchange and mutual learning have gained power and continuity. In particular, no-border camps‘ actions aiming at refugee camps and routes did display an internationalist and trans-national character. We didn’t succeed in everything (by far), but looking for trans-national perspective, action and organisation has become a matter of course, at least in Europe. This understanding of internationalism is as heterogenous and plural as the movements acting therein. Nobody is merely the victim of prevailing conditions, if we are resisting in a collective and self-empowered way.

The upcoming Hamburg summit is representing symbolically and practically much we despise on a fundamental level. Character masks are exchangeable, but they are real. Our scheduled actions will state our struggle against their policy of war, terror and exploitation unambigously! We are going for a symbolic and practical break with the prevailing order – together with many activists from all over Europe. We are disrupting and obstructing the smooth operation of the summit’s performance in Hamburg. We are opening and utilising room for taking up manifold, unpredictable mass action against the G20 summit. Obviously, thousands of military, police and secret service forces will be protecting this spectacle.
Displaying typical arrogance of power, all of this is going to take place in the densely-populated inner-city quarters of Hamburg, just a stone’s throw from Rote Flora and several other left-wing social centres. People just have to leave their houses to enter the red zone or to join an action. For 15 years, Hamburg’s radical left has been fighting against capitalist urban development and for a „Right to the City“. Our urban-political struggle cannot only be traced back to 1970s squattings or the successful fight for St Pauli Hafenstrasse or Rote Flora. We have connected these fights with resistance against job precarisation and increasing rents, for the freedom of squatted mobile home parks like Bambule, together with refugee movement Lampedusa in Hamburg or against extensive danger zones for riot control. We have gained these experiences, they are alive and we will access them. And we will access urban areas during the summit as well. Repression won’t be able to prevent this if we are many and if we are unpredictable. There will be no quiet hinterland.
This is an invitation to our comrades, companions and friends from all over the world: Come to Hamburg in July 2017 and join the resistance against the G20 summit! The radical left has confronted the rulers in many fights: we are still manifold, solidary and unpredictable. Our social centres, particularly those in the summit’s vicinity, will be access points for exchange and the formation of resistance. Quite contrary to mainstream bourgeois opposition, we won’t suggest alternatives to the powerful in order to keep the capitalist system alive. Our solidarity is with all emancipatory movements joining the resistance in the streets against the Hamburg summit. And we will decide for ourselves which forms of action are politically adequate and communicable.

DAYS OF ACTION – 6/7/8 JULY 2017
*INTERNATIONAL ANTI-CAPITALIST DEMONSTRATION OF THE RADICAL LEFT ON THURSDAY 6 JULY 2017

*DYNAMIC ACTION IN AND AROUND HAMBURG: MILITARISM, MIGRATION, EXPLOITATION, URBAN RESISTANCE AND OTHER THINGS

*FORMATION OF OPPOSITIONAL, ANTI-CAPITALIST BLOCKS AT THE MASS DEMO ON SATURDAY 8 JULY 2017

*AND DURING ALL THIS TIME: RESISTANCE AGAINST THE SUMMIT AS SUCH!

OBSTRUCT, DISRUPT, DISSECT G20 SUMMIT!
CAMPAIGN „G20 – WELCOME TO HELL“

Μπλόκο – Σαμποτάζ – Διάλυση

Η επόμενη σύνοδος κορυφής των είκοσι οικονομικά και πολιτικά ισχυρότερων κρατών του κόσμου θα πραγματοποιηθεί στις 7 και 8 Ιουλίου 2017 στο Αμβούργο. Τόπος συνάντησης θα είναι ο Εκθεσιακός Χώρος στο κέντρο του Αμβούργου, στην κατοικημένη περιοχή του St. Pauli. Οι κυρίαρχοι αυτού του κόσμου θα συνοδεύονται από χιλιάδες μέλη αποστολής και δημοσιογράφους*, προστατευόμενοι από έναν όχλο αστυνομίας, μυστικών υπηρεσιών και στρατού. Με τη συμμετοχή διεθνών οργανισμών και ΜΚΟ δηλώνουν την αξίωση ότι θα λάβουν εκτεταμένες αποφάσεις. Φαινομενικά, οι Γερμανοί διοργανωτές* παρουσιάζονται ως ενδιαφερόμενοι για τα κοινωνικά θέματα, τα βασικά θέματα λένε ότι θα είναι οι γυναίκες, οι μετανάστες και η υγεία. Πρόκειται για λαϊκισμούς με σκοπό να αποσπάσπουν την προσοχή, γιατί στην πραγματικότητα το G20 σκοπεύει στην κατανομή των γεωπολιτκών ενδιαφερόντων και των διεκδικήσεων για εξουσία και στον συντονισμό της παγκόσμιας εκμετάλλευσης. Weiterlesen →

G20 – Welcome to hell (it)

Bloccare – Sabotare – Smantellare

Il prossimo vertice, dei capi di governo e i venti stati più ricchi e potenti del mondo, si terrà il 7 e 8 Luglio 2017 ad Amburgo. Il tutto si svolgerà tra i padiglioni della Messenhalle nel centro della città e nel quartiere popolare di St. Pauli.

Il potere autoritario sarà accompagnato da migliaia di delegati e giornalisti, e saranno protetti da una armata di polizia, servizi segreti e apparati militari. Il loro scopo con le associazioni internazionali e la ONG sarà quella di formulare e stabilire decisioni. Gli organizzatori tedeschi affronteranno temi a sfondo sociali, come quelli sui diritti delle donne, l’immigrazione e il diritto alla salute. Questi sono argomenti populistici, perché fondamentalmente il G20 è per la divisione delle sfere geopolitiche di interesse e pretese di potere e al coordinamento dello sfruttamento globale.

Il G20 non rappresenta l’intera umanità, ma è di per se un incontro tra governi oppressori di regimi autoritari, torture di stato e blocchi militari belligeranti che guidano tutto lo sfruttamento globale. La nazione ospitante, la Germania, è, accanto alla Cina, uno dei grandi vincitori della globalizzazione nel corso degli ultimi 25 anni. Il vertice del G20 a luglio 2017 avrebbe dovuto chiamarsi: „A casa con i vincitori“. Amburgo e il suo porto sono una „porta di accesso al mondo“ che si presuma lasci sgocciolare le macchie di sangue di sfruttamento internazionale delle loro pareti. Questo vertice serve a mantenere un ordine mondiale, però è responsabile di diversi conflitti armati, per la povertà diffusa, per più di 60 milioni di persone in fuga e per le vittime che muoiono.

I regimi capitalistici partivano dalla crisi finanziaria del 2008 in una nuova direzione: la globalizzazione, cioè lo scambio di beni, la rete di rapporti di produzione e il volume degli investimenti transfrontalieri delle multinazionali. La conclusione di accordi di libero commercio internazionale in Asia orientale e tra l’Europa e gli Stati Uniti è aumentato. Gli accordi commerciali globali accordati in seno all’OMC erano già stati dati in precedenza. Questo va di pari passo con una dimezzata crescita sulla scala globale. Prima della crisi finanziaria, la maggior parte dei paesi capitalisti centrali, sia pure distribuiti in maniera disuguale, ha beneficiato la crescita sostenuta generale della globalizzazione. Dal momento della crisi finanziaria, le economie esportatrici di materie prime emergenti (tra gli altri Brasile, Russia, Sud Africa), come anche i paesi del primo mondo con ampi deficit commerciali e la produzione industriale notevolmente rimpicciolita (come l’Inghilterra, l’Italia, la Grecia, ecc) sono particolarmente colpite dalla crisi economica e politica.

La disintegrazione della globalizzazione

In queste condizioni, solo poche strategie di concorrenza economica hanno successo, come ad esempio il ritiro di un grande mercato interno à la USA e Cina o il massiccio aumento delle esportazioni (come in Germania, Paesi Bassi e Svezia) a scapito delle industrie di altri paesi. Queste strategie sono destinate ad essere coperte da accordi commerciali come il CETA e TTIP.
Paesi ai quali queste opportunità sono negate, pur di agire come mercati di vendita, rispondono con sempre più condizione protezionistiche e con la svalutazione della propria moneta, in modo da essere di nuovo in grado di offrire la loro merce sul mercato mondiale più conveniente. Queste guerre commerciali aumentano. L’unità tra i paesi capitalisti centrali diventa fragile, l’equilibrio tra i paesi del G20 notevolmente si abbassano.

Nelle regioni di povertà a livello globale di risorse economiche Tricont non sono disponibili atti di difesa. L’impoverimento di massa e l’isolamento sociale e l’oppressione insorge in rivolte regionali o repressioni religiose mascherate da movimenti islamici, come la primavera araba. Le cricche dirigenziali locali non si fermano a sua volta, in più intensificano lo sfruttamento e l’accesso allo stato di polizia. Se i risultati non riappacificano la situazione, la repressione si apre in guerre civili prolungate. ‘’Regime Chang’’ is over – il vecchio concetto del G7 / G8 è fallito. L’Occidente non tenta più come nelle guerre in Afghanistan, Iraq o la Libia, di soffocare le rivolte con interventi militari occidentali o di eliminare i regimi insubordinati, in tal modo di stabilire un nuovo ordine.

I conflitti vengono lasciati regionali – come la guerra civile nello Yemen da un intervento saudita – e in altre circostanze coperto in Iraq e Siria con informali interventi. Si usa un ‘’Gated Capitalism’’, in modo che si concentra sulle restanti isole di crescita, annientando i poveri e gli oppressi tra i loro confini.

Dal momento che la crescita e la promessa di prosperità non si realizza per molte persone nella metropoli e in tal modo i quadri nomativo politico-sociale si spostano, il populismo di destra, il nazionalismo militante e modelli di soluzioni autoritarie nell’UE, negli Stati Uniti o in Asia celebrano nuove realizzazioni. Essa richiede non solo il protezionismo di politica economica, ma anche l’espulsione di migranti, compresi la costruzione di recinzioni ai confini. All’interno viene sospettato tutto quello che non rientra nei modelli nazionalistici o religiosi, sia che si tratti di anticonformismo. Tale analisi non deve essere intesa come una dissipazione economica di impoverimento. Il recente successo dei partiti di destra è supportato per lo più da uomini bianchi delle classi inferiori, allo stesso tempo, questi movimenti sono, tuttavia, di successo negli Stati prosperi ed economicamente vittoriosi del Nord Europa e Oriente. In molti casi si tratta di razzismo consolidato da generazioni che non posseggono un oggetto concreto o dei punti concreti di riferimento, vale a dire, senza un numero apprezzabile di latitanti nel paese o una reale minaccia di perdita del lavoro. Noi siamo contro i populisti internazionali di destra: la politica razzista xenofoba del regime ungherese di Orban, il referendum razzista proposto dal Regno Unito per l’uscita dall’Unione Europea, la visione razzista sul mondo dell’AfD in Germania o il Fronte Nazionale in Francia, il nazionalismo islamico del regime dell’AKP turco, fino alla vittoria elettorale dello sciovinista Donald Trump.

La guerra come strumento di politica di governo

La guerra e il capitalismo vanno insieme. Nelle guerre storiche prospettiche erano sempre parte di una strategia di gestione della crisi del capitalismo. I decenni dello status quo della guerra fredda ha ignorato questa logica tra le nazioni industrializzate dell’Occidente e dell’Oriente e l’hanno trasferito nelle guerre del Trikont. Dopo il crollo del blocco orientale si sono aperte nuove aree per la crisi capitalistica e quindi pure la logica della guerra. Dal 1989, il regime neoliberista, ha portato a nuove strategie globali per lo sviluppo dei mercati e la garanzia delle risorse per i principali paesi industrializzati.

Per assicurare il loro potere e sfere di influenza e per far valere i loro interessi economici, i governi dei paesi capitalisti centrali fanno sempre più affidamento a soluzioni militari. Le contraddizioni e competizioni non sono solo l’attuazione degli accordi commerciali e una dogana orientata dal capitale e la politica fiscale, che va accoppiata con una politica monetaria e di credito appropriata, ma sempre aperta a una escalazione militare.

Non è un caso, che tutti i paesi che partecipano al G20, sono direttamente o indirettamente coinvolti in conflitti armati attuali. Sia guerre per procura, sia per la presunta azione di polizia o sia per l’azione militare per il „mantenimento della pace“, sono solo grandi parole per la guerra, morte e distruzione. Nel tempo vengono impediti ‘’ancora’’ i conflitti militari tra i più principali stati con potere politico. L’indice tra le escalazioni tra NATO e Russia ci insegna che non è durativo. Sull’espansione aggressiva della NATO, il regime russo risponde con un armamento massiccio e minaccia le ex repubbliche sovietiche, che si sono alleati con la NATO e l’UE. La Russia, tra la concorrenza dinamica capitalistica e le sanzioni economiche, si trova in gravi difficoltà. La guerra in Ucraina si svolge sotto la logica capitalistica sotto la concorrenza tra l’UE e la Russia, ed è espressione della lotta per il potere, sfere di influenza e mercati.

La guerra assassina in Siria è un esempio della disperazione capitalistica della logica di guerra. Per la Russia si tratta dell’affermazione per la diminuzione di influenza nel Medio Oriente dopo la primavera araba. Il conflitto in Siria è una parte della guerra contro i movimenti islamici, e in secondo luogo un mezzo per ottenere la base di potere e per la lotta contro la Russia come un rivale per gli Stati Uniti e l’Unione europea. La potenza regionale della Turchia ha sfruttato la situazione per far valere i propri interessi nella lotta contro il movimento curdo e islamista e l‘opposizione laica, così come rivendicazioni politiche regionali per l’intervento militare in Siria. La cessazione del conflitto reale e la fine dello sterminio, con una prospettiva di pace per il popolo Siriano, non viene preso in considerazione dai poteri politici.

La deregolamentazione e la destabilizzazione

Dalla metà degli anni 1970 è venuto il modello di socializzazione capitalista in crisi del dopoguerra. Questo sviluppo ha portato al fatto che un modello economico e sociale neoliberista ha prevalso la deregolamentazione dei mercati e di una politica di privatizzazioni, anche nei settori dell’istruzione e interesse pubblico e hanno cercato di catturare le persone con una promessa di felicità di ricchezza e prosperità in tutto il mondo. Però queste idee false, un quasi governo mondiale cooperativo e una politica interna comune come presunta politica di pace, è stato in realtà accompagnato da un’armamento al di fuori e di dentro. Ideologicamente, l’applicazione della militarizzazione è stato associato come opzione di azione politica. In questo contesto, la formazione dell’UE può essere vista come potenza politica militarizzata, che è stata aggiunta come una partecipante per gli interessi degli Stati nucleari europee, sotto la guida della Germania, paese e gemone, che dal 2000, è nella posizione di intervenire militarmente in tutto il mondo.

L’applicazione delle politiche neoliberiste è ed è stato caratterizzato negli ultimi 25 anni di guerra: la distruzione della ex Jugoslavia, la destabilizzazione della ex Unione Sovietica e vari conflitti nel continente africano sono stati causati dalla conquista e da aggressivi mercati di fissaggio come pure lo sfruttamento delle risorse. Il margine di questa politica militarizzata va da „guerra a bassa intensità“ – conflitti di guerre civili fino a interventi militari in tutto il mondo. Questo è in tutto il risultato della distruzione di vecchi sistemi delle società e delle economie, in contrasto dell’onnipotenza neoliberista. Per le persone colpite rimane, come conseguenza di questa politica il più delle volte, solo a scappare.

Le strategie di destabilizzazione portano a contro-movimenti reazionari, che sono in contrasto con gli interessi capitalistici occidentali. La conseguenza logica sono conflitti militarizzati, come risultato del proprio l’espansionismo economico e degli stati fondamentali capitalisti neoliberali. Il terrorismo islamico e l’afflusso risultante sono essenzialmente una conseguenza di questa politica di destabilizzazione, che consentono alle società di essere in uno stato permanente di guerra.

La militarizzazione dell’azione politica in esterno porta ad una militarizzazione all’interno e quindi a un cambiamento nelle società occidentali. L’accettazione, i conflitti sociali ed economici di polizia repressive o addirittura una soluzione militare a anche all’interno, aumenta sempre di più. L’escalazione da parte della politica egemoniale esterna diventa un argomento di militarizzazione all’interno. L’intensificazione della politica estera ha la sua controparte in una promozione di contraddizioni sociali interne. L’impoverimento sociale e il crescente divario tra ricchi e poveri non dovrebbero più essere affrontati dalla presunta piena occupazione e una promessa di prosperità per tutti, ma sono gestiti da una politica repressiva di controinsurrezione verso l’interno e il gestibile.

In parallelo, la globalizzazione neoliberista è stato sostituito da una nuova fase di riorganizzazione strategica del sistema capitalistico globale. La gestione delle crisi dopo la crisi economica si riflette in una disgregazione superficiale in un’idea di globalizzazione e di un mercato comune. Questa suddivisione porta al nazionalismo, protezionismo e lo sviluppo di una maggiore prontezza al confronto tra le egemonici stati fondamentali capitalisti. La loro politica è la guerra, le loro prospettive sono la concorrenza e lo sfruttamento. I valori come la pace, i diritti umani, la giustizia economica e di un uso responsabile delle risorse nel mondo sono ostacoli per il libero sviluppo di interessi sfruttamenti capitalistici.

La nostra resistenza è varia e imprevedibile

Se i rappresentanti e dirigenti della sentenza (dis) ordine saranno messi al centro di Amburgo, in maniera spettacolare, mettiamo le nostre azioni di resistenza transnazionale ed internazionale, la nostra visione di un mondo vivibile al contrario!

Paragonabili vertici si sono svolti dalla fine del 1990 siamo stati sempre presenti a disturbare. Seattle, Genova, Goteborg e Praga non erano dei vertici come successo, ma come momenti forti di resistenza anticapitalista. Le proteste e le azioni hanno fatto sì che il vertice del G7 / G8 gli anni successivi si sono più svolte in città più grandi, perché hanno dovuto fare i conti sempre con la nostra resistenza. Invece, trasferiscono i loro incontri in alberghi di lusso separati, lontano da infrastrutture urbane, per tenere a bada le proteste.

Ora l’incontro si terrà di nuovo ad una grande città europea. Sarà il nostro compito come sinistra anticapitalista e radicale, insieme con molte altre persone della resistenza in Amburgo, per rendere le nostre idee in una società più giusta e solidale.

Le mobilitazioni negli anni 2000 sono stati momenti preziosi per conoscerci e per collaborare con gruppi e reti, da tutta l’Europa e nel mondo. Abbiamo fatto esperienze comuni e abbiamo combattuto insieme, ci siamo seduti a incontri internazionali. Abbiamo sostenuto gli attacchi militari e di polizia, abbiamo unite le nostre forze e li abbiamo combattuti. Il movimento per la giustizia globale è cambiato, ma le nostre reti si sono rafforzate. Siamo localmente attivi nelle nostre regioni, città, villaggi e foreste. Ma combattiamo anche transnazionale. Come in passato, ci siamo riuniti: a Rostock / Heiligendamm, Strasburgo, Atene, Copenaghen, Wendland, a Parigi, Milano e Francoforte. Negli ultimi anni, ci siamo connessi a livello transnazionale in vari modi: Contro l’austerità dell’UE, in particolare in Grecia, ma anche in Spagna, Portogallo, Irlanda e Francia, abbiamo fatto una resistenza solidale.L’opposizione, spazio occupazioni, scioperi, dimostrazioni, espropri o abusivi sono stati effettivamente sostenuti principalmente dai movimenti sul posto. Ma lo scambio e l’apprendimento reciproco ha avuto un impulso e continuità. Anche le azioni dei campi profugi hanno e avevano una forte caratteristica internazionale e transnazionale. Anche se non avevamo sempre successo, è diventato una cosa naturale, almeno per l’Europa, che stiamo cercando in vista ad una buona organizzazione. Un tale internazionalismo cosi capito è eterogeneo e plurale, come i movimenti che operano all’interno. Nessuno degli attivisti è vittima delle circostanze, se ci organiziamo e ci difendiamo insieme.

Il prossimo vertice di Amburgo è simbolico e pratico per gran parte di quello che rifiutiamo radicalmente in tutta la sua forma. Le maschere di carattere sono intercambiabili, ma sono reali. Con le azioni pianificate a Amburgo vogliamo rendere assolutamente chiaro che noi combattiamo la loro politica di guerra, il terrore e lo sfruttamento! Stiamo cercando per la pausa simbolica e pratica con l’ordine stabilito – insieme a molti attivisti all’interno di tutta l’Europa. Noi vogliamo turbare lo svolgimento regolare del vertice e bloccarlo. Vogliamo essere versatili, in massa e imprevedibile, contro questo vertice. E ‚già chiaro che useranno, per difendere i loro spettacolo, migliaia di militari, la polizia e le varie agenzie di intelligenza. Con la arroganza del suo potere, il tutto si terrà nel centro della città e nel quartiere di St.Pauli, ad un passo dal centro sociale ‘’Rote Flora’’ e molti altri centri. La gente deve solo uscire dalle loro case, per entrare nell’azione di radio. La sinistra radicale di Amburgo ha combattuto contro uno sviluppo urbano capitalista e per un „diritto alla città“, ormai da più di 15 anni. Le nostre lotte politiche risalgono non solo alla accovacciata degli anni ’70, la lotta alla Hafenstrasse a St. Pauli e il Rote Flora. Abbiamo legato queste lotte contro la precarietà dei nostri posti di lavoro e contro gli affitti in aumento, per la libertà di luoghi liberi, come Bambule, con il movimento dei rifugiati Lampedusa ad Amburgo o contro completo aree a rischio di contro-insurrezione. Questa è stata la nostra esperienza, è viva e si farà riferimento a esso. E sappiamo che acquisiremo l’area urbana e l’incontro. La repressione non ci impedirà, perchè siamo in tanti e siamo imprevedibili. Non gli daremo tranquilità.

Questo è un invito ai nostri compagni e amici vicini e lontani: Venite ai primi di luglio 2017 alle proteste contro il vertice del G20! La sinistra radicale ha sfidato i governanti in molte battaglie: restiamo diversi, solidarici e imprevedibili. I nostri centri sociali, in particolare nei pressi della sede del vertice, saranno punti di partenza per il nostro scambio e per la formazione di resistenza. In contrasto con l’opposizione borghese, non proporremo ai governanti alternative, per mantenere in vita il loro sistema capitalista. Siamo solidali con tutte le forze di emancipazione, che scendono in strada contro il vertice di Amburgo. E ci sarà da determinare, quali forme di azione sono politicamente appropriato e impiegabili per noi.


Days of Action – 6/7/8 luglio 2017

* DIMOSTRAZIONE DEI ANTIKAPITALISTICI INTERNATIONALI DELLA SINISTRA RADICALE AL GIOVEDI, 6 LUGLIO, 2017

* AZIONE DINAMICA IN AMBURGO: MILITARISMO, MIGRAZIONE, SFRUTTAMENTO, RESISTENZA URBANA E ALTRI ARGOMENTI

* FORMAZIONE DI RESISTENZA , BLOCCO ANTICAPITALISTICO ALLA GRANDE DIMOSTRAZIONE AL SABATO 8 LUGLIO 2017

* E SOPRATUTTO RESISTENZA NEL PERIODO DEL VERTICE!
Vertice G20 – BLOCCARE – SABOTARE – SMANTELLARE